Storia del poker

Il poker è senza dubbio il gioco più popolare di tutti i casino, sia esso tradizionali che online. La storia del poker però ha origini discutibili in quanto sono ancora oggetto di aspro dibattito. In base alla concezione comune, quest’ultimo deriva da un gioco persiano che i marinai per l’appunto persiani insegnarono ai colonizzatori francesi di New Orleans.

Il suo nome deriva dalle parole francese poque che significa ingannare e dal tedesco pochen. Ad ogni modo la storia del poker è molto interessante in quanto l’influenza del gioco che ha avuto nei milioni scommettitori è stato a dir poco esponenziale. La testimonianza più antica è quella che risale dall’attore inglese Crowel, che ne assiste entusiasta per la prima volta nel New Orleans, e nella quale il poker veniva giocato con un mazzo di 20 carte e da 4 giocatori che scommettevamo sul giocatore che avrebbe avuto la mano vincente.

E’ da questa prima testimonianza che la storia del poker inizia a dare fonti sempre più forti. Infatti, al gioco con le 20 carte, si passò subito ad utilizzare il mazzo francese con 54 carte e l’introduzione del colore. Da un semplice gioco popolare, il poker iniziò ad entrare anche nei casin0, tanto che dal XX secolo in poi la sua ascesa fu inarrestabile.

Proprio durante la prima guerra civile Americana si iniziarono ad assistere alle prime specialità del poker , tanto che è possibile attribuire ai militari americani gran parte delle specialità del poker che durante il corso del tempo formeranno ed amplieranno l’offerta che questo straordinario gioco può offrire. Nel dettaglio, però, le specialità del poker si possono distinguere in tre grandi categorie.

Community card poker: in questa modalità ogni giocatore può ricevere un certo numero di carte coperte ed un certo numero di carte comunitarie (scoperte), i cui numeri saranno variabili in base alle regole che sono stabilite nel gioco. L’obiettivo comune sarà quello di comporre con le carte coperte e con quelle scoperte il punteggio più alto per ottenere la vittoria. Il community card poker comprende, il chowaha, il crazy pineaèèle, Double-Board hold’hem, Texas Hold’hem, super hold’em, tic tac toe e altri ancora.

Draw Poker: con la medesima modalità al giocatore verranno consegnate 4 – 5 carte scoperte, e con le quali dovrà comporre il punto, e nel giro di scommesse altresì il giocatore avrà la possibilità di cambiare una o più carte, o rimanere servito. Le varianti sono il 5 card drow, Ace to 5 triple draw, badugi, california lowball e tanti altri.

Stud Poker: in questa modalità si mettono in conto tutte le varianti di poker dando al giocatore una o più carta scoperta con la differenza sostanziale che nello stud poker non si può cambiare carta ,cosa che può esser effettuata nel draw poker. Le varianti sono il 5 Card Stud, 7 Card Stud, Telesina, Canadian Stud e tanti altri.

Potrebbero interessarti anche...